Salta al contenuto

2° KYO

Corrispondente al 4° Kyu (Cintura Arancione), comprende le seguenti tecniche:

Ko-Soto-Gari

Significa “piccola falciata esterna”. Si tratta di una tecnica di Ashi – Waza.

Come per l’O – Soto – Gari, anche questa tecnica porta Uke a cadere all’indietro. I movimenti per l’esecuzione sono simili a quelli dell’O – Soto – Gari, con la differenza che Tori viene a trovarsi in una posizione leggermente laterale, e colpisce con la pianta del piede sinistro il tallone destro di Uke.

Opportunità di esecuzione: Uke mostra uno sbilanciamento all’indietro avanzando.

Ko-Uchi-Gari

Significa “piccola falciata interna”. E’ una tecnica di Ashi – Waza.

Nell’esecuzione a destra Tori esegue gli stessi movimenti per l’esecuzione dell’O – Uchi – Gari, cambiando la gamba che viene attaccata: infatti sempre con il piede sinistro, effettua – anziché un movimento rotatorio in senso orario – una falciata alla gamba destra di Uke che lo porta a cadere all’indietro.

Opportunità di esecuzione: Uke mostra uno sbilanciamento all’indietro avanzando.

Koshi-Guruma

“Ruota sull’anca”. Tecnica di Koshi – Waza.

Molto simile all’O – Goshi, la sua esecuzione si distingue da questo per la posizione della mano destra di Tori (ci si riferisce sempre all’esecuzione a destra) che passa dietro il collo di Uke, afferrando il bavero del Judoji proprio dietro il collo. Uke cade in avanti.

Opportunità di esecuzione: Uke si sposta in qualsiasi direzione mostrando uno sbilanciamento in avanti.

Tsurikomi-Goshi

“Colpo d’anca tirando e sollevando”. Tecnica di Koshi – Waza.

E’ la tecnica che per eccellenza evidenzia il principio dello Tsurikomi (tirare sollevando). Tori, nell’esecuzione a destra, afferra con la mano destra il bavero del Judoji di Uke dietro il collo, quindi esegue uno spostamento del piede destro in direzione del piede destro di Uke, coadiuvando il movimento con le braccia che effettuano una trazione ed un sollevamento. A questo punto, Tori si abbassa portando la sua cintura all’altezza delle cosce di Uke, quindi con un colpo d’anca effettua la proiezione. Uke cade in avanti.

Opportunità di esecuzione: Uke si irrigidisce con una difesa di tipo Go, ad un attacco di Tori.

Okuri-Ashi-Barai

“Spazzata ad entrambi i piedi”. Tecnica di Ashi – Waza.

Questa tecnica è molto simile al De – Ashi – Barai, con l’unica differenza che Tori spazza entrambi i piedi di Uke. Uke nella caduta scivola lateralmente con entrambe le gambe parallele al tatami.

Opportunità di esecuzione: Su spostamento laterale o in rotazione da parte di Uke.

Tai-Otoshi

“Caduta del corpo”. Tecnica di Te – Waza.

Nell’esecuzione a destra, Tori effettua un piccolo passo di avvicinamento con il piede destro verso il piede destro di Uke, quindi avvicina il tallone del piede sinistro a quello destro e contemporaneamente cerca il contatto del suo busto con quello di Uke, effettuando una trazione con entrambe le braccia. All’improvviso, Tori stende la gamba destra ostacolando la gamba destra di Uke e, continuando nella trazione, effettua una rotazione in senso antiorario. Uke cade in avanti.

Opportunità di esecuzione: Uke schiva un attacco di Tori indietreggiando con entrambi i piedi o, comunque, mostra uno sbilanciamento in avanti.

Harai-Goshi

“Spazzata con l’ausilio dell’anca”. Tecnica di Koshi – Waza.

La prima parte dell’esecuzione di questa tecnica è pressoché identica al Tai – Otoshi, ma nel momento della proiezione, la gamba destra di Tori si solleva per via dell’ausilio dell’anca quindi Tori esegue con le braccia una rotazione tirando con la mano sinistra e spingendo con la destra. Uke cade davanti.

Opportunità di esecuzione: Uke spinge Tori avanzando o indietreggiando.

Uchi-Mata

“Falciata colpendo l’interno della coscia”. Tecnica di Ashi – Waza (talvolta classificata anche come Koshi – Waza).

Nella sua esecuzione come Koshi – Waza è praticamente identica all’ Harai – Goshi, con la differenza che la gamba destra di Tori si solleva tra le gambe di Uke anziché all’esterno. Da un punto di vista tecnico (si pensi all’esecuzione nel Nage – No – Kata) non dovrebbe intervenire l’anca e quindi il gesto tecnico si tradurrebbe in un Ashi – Waza. La caduta di Uke avviene in avanti, con una dinamica che spesso viene indicata come “caduta a foglia”.

Opportunità di esecuzione: Uke spinge Tori o schiva all’indietro un attacco di Tori.

Donato Di Pierro, Judo Tecnico, 2a edizione [2019]

Published in04-Go Kyo04b-2° Kyo

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *