Salta al contenuto

5° KYO

Corrisponde al 1° Kyu (Cintura Marrone) e comprende le seguenti tecniche:

O-Soto-Guruma

Significa “grande ruota esterna”. E’ una tecnica di Ashi – Waza.

Come O – Guruma con la differenza che la proiezione di Uke avviene all’indietro. Nell’esecuzione a destra Tori attacca sempre con la gamba destra ma, anziché portarla sull’anca destra di Uke all’altezza della cintura per proiettarlo in avanti, porta la gamba dietro la coscia destra di Uke, quindi la utilizza come fulcro per effettuare la proiezione. Uke cade all’indietro.

Opportunità di esecuzione: Uke indietreggia o, comunque, mostra uno sbilanciamento all’indietro.

Uki-Waza

Significa “tecnica fluttuante”. E’ una tecnica di Yoko – Sutemi – Waza.

Nell’esecuzione a destra, Tori sbilancia Uke alla sua sinistra, quindi nel momento in cui Uke cerca di recuperare lo sbilanciamento imposto portando avanti il piede destro, Tori improvvisamente si siede stendendo la gamba sinistra davanti al piede destro di Uke e, tirando verso il basso la mano sinistra con la presa alla manica destra di Uke, lo porta a cadere in avanti a ruota.

Opportunità di esecuzione: Uke è sbilanciato in avanti mentre avanza o comunque spinge Tori.

Yoko-Wakare

“Separazione laterale”. Tecnica di Yoko – Sutemi – Waza.

Questa tecnica, nell’esecuzione a destra, vede Tori che sbilancia Uke alla sua destra, quindi effettua un Tai – Sabaki in senso antiorario portando entrambe le gambe sul tatami con la gamba destra davanti a quella destra di Uke, e lo tira lateralmente. Uke cade in avanti, a ruota.

Opportunità di esecuzione: Uke è sbilanciato in avanti mentre avanza o comunque spinge Tori.

Yoko-Guruma

“Ruota sul fianco”. Tecnica di Yoko – Sutemi – Waza. E’ una tecnica che si sviluppa in conseguenza ad un attacco fallito di Ura – Nage, come rappresentato nel Nage – No – Kata. Tori, nell’esecuzione a destra, porta Uke a piegarsi in avanti, quindi porta la sua mano sinistra ad abbracciare Uke da dietro, all’altezza della cintura. La mano destra di Tori poggia il palmo all’altezza del nodo della cintura di Uke, portando il piede sinistro a fianco al piede destro di Uke. A questo punto Tori, abbassandosi, poggia il piede destro fra le gambe di Uke, si siede sul tatami spingendo le braccia verso l’alto e portando così Uke a cadere in avanti, a ruota.

Opportunità di esecuzione: Uke si oppone ad un attacco di Tori finalizzato alla proiezione in avanti.

Ushiro-Goshi

“Proiezione di anca all’indietro”. Tecnica di Koshi – Waza.

Tori, eseguendo a destra, si porta alle spalle di Uke mantenendo la presa destra al bavero e spostando la mano sinistra per afferrare la cintura di Uke da dietro, quindi esegue un colpo d’anca in avanti facendo cadere Uke all’indietro.

Opportunità di esecuzione: Uke sta eseguendo una tecnica che lo porta ad avvicinarsi a Tori con l’anca, di lato (ad esempio O – Uchi – Gari).

Ura-Nage

“Proiezione all’indietro”. Tecnica di Ma – Sutemi – Waza.

Tori nell’esecuzione a destra porta la sua mano sinistra ad abbracciare Uke all’altezza della cintura, quindi poggia la mano sulla cintura all’altezza del nodo. Il piede destro effettua un passo in avanti mentre, aiutandosi con un colpo d’anca, proietta Uke all’indietro. Uke cade in avanti, a ruota.

Opportunità di esecuzione: Uke spinge avanzando, o indietreggia, essendo sbilanciato in avanti.

Sumi-Otoshi

“Caduta nell’angolo”. Tecnica di Te – Waza. Simile nell’esecuzione ad Uki – Otoshi, Tori esegue un movimento “ad onda” con le braccia, portando Uke a cadere all’indietro, senza l’ausilio delle gambe.

Opportunità di esecuzione: Uke si sta spostando all’indietro mentre tira Tori.

Yoko-Gake

“Agganciamento laterale”. Tecnica di Yoko – Sutemi – Waza.

Ha una esecuzione simile al De – Ashi – Barai, con la differenza che Tori effettua un vero e proprio agganciamento della gamba destra di Uke all’altezza della caviglia e si sacrifica nella caduta che avviene lateralmente.

Opportunità di esecuzione: Uke avanza o indietreggia.

Donato Di Pierro, Judo Tecnico, 2a edizione [2019]

Published in04-Go Kyo04e-5° Kyo

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *