Salta al contenuto

Koshiki-No-Kata

E’ il Kata delle “cose antiche”, della scuola di Ju – Jutsu – Kito – Ryu che Jigoro Kano aveva frequentato in gioventù. Questa forma è stata mantenuta nel patrimonio tecnico del Judo Kodokan per ricordare le antiche tecniche del Ju – Jutsu e perché nella sua esecuzione appare evidente il princìpio di sfruttare l’energia dell’avversario a proprio vantaggio.

Si compone di 21 tecniche divise in due parti: la prima, omote, comprende 14 tecniche eseguite lentamente ed in modo un po’ impacciato come se gli esecutori indossassero l’armatura da samurai; la seconda, ura, comprende 7 tecniche eseguite in modo sciolto e veloce.

La caratteristica di questo Kata è quella di cercare di acquisire l’Hontai (non solo intesa come posizione bensì nella sua accezione più generale ovvero di “essenza del corpo”). E’ dunque scopo del Koshiki – No – Kata portare il praticante a comprendere l’energia che permea l’universo (il Ki) allontanandosi dal proprio corpo.

Parte 1: DAN

Studia l’inizio e la fine dell’energia vitale. Spesso la prima parte viene anche indicata con OMOTE (tecniche eseguite davanti).

  1. Tai (posizione di partenza del corpo)
  2. Yume – No – Uchi (in un sogno)
  3. Ryokuhi (evitare l’impiego della forza brutale)
  4. Mizu – Guruma (il mulino ruotante per la forza dell’acqua)
  5. Mizu – Nagare (corrente d’acqua nel ruscello)
  6. Hiki – Otoshi (tirare e far cadere)
  7. Koda – Ore (tronco dell’albero cadente)
  8. Uchi – Kudaki (ridurre in polvere)
  9. Tani – Otoshi (caduta nella valle)
  10. Kuruma – Da – Ochi (cadere a ruota)
  11. Shikoro – Dori (sradicare l’elmo)
  12. Shikoro – Kaeshi (rovesciare l’elmo)
  13. Yu – Dachi (acquazzone estivo della sera)
  14. Taki – Otoshi (caduta a cascata)

Parte 2: MUDAN

Questa parte studia il continuo alternarsi dell’energia. Per distinguerla dalla precedente, denominata anche OMOTE, talvolta si utilizza l’indicativo URA (tecniche eseguite da dietro).

  1. Mi – Kudari (ridurre il corpo in polvere)
  2. Kuruma – Kaeshi (ruota capovolta)
  3. Mizu – Iri (piombare nell’acqua)
  4. Ryu – Setsu (la neve sul salice)
  5. Saka – Otoshi (caduta a capofitto)
  6. Yuki – Ore (ramo spezzato dalla neve)
  7. Iwa – Nami (scoglio spazzato dalle onde)

Donato Di Pierro, Judo Tecnico, 2a edizione [2019]

Published in06-Kata06h-Koshiki No Kata

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *